ORARIO DI LAVORO e FONDO RISORSE DECENTRATE ANNO 2018 – Firmato in via definitiva il FUA ANNO 2017

MIN LAVORO - FUA 2017 ORARIO DI LAVORO FONDO RISORSE DECENTRATE 2018

MIN LAVORO - FUA 2017 ORARIO DI LAVORO FONDO RISORSE DECENTRATE 2018

 

In data 29.10 u.s. si è tenuta la riunione presso il Ministero del Lavoro avente ad oggetto:

  • Firma definitiva del Fua 2017
  • Orario di lavoro
  • Fondo risorse decentrate anno 2018

 

 

Fua 2017:

dopo gli esiti positivi dei controlli effettuati dagli organismi preposti (Mef e Funzione Pubblica), il Fua per l’anno 2017 è stato definitivamente firmato e pertanto si sono realizzati tutti gli adempimenti, politici ed amministrativi, necessari per l’erogazione del salario accessorio dell’anno 2017.

 

Orario di Lavoro

Il testo consegnato dall’amministrazione risulta migliorato in alcuni passaggi rispetto all’ipotesi presentata durante la prima riunione.

Oltre alle questioni emerse relative a pausa e riconoscimento dei buoni pasto, l’UNSA ha anche chiesto di rendere possibile il superamento del limite del 50% del personale che può fruire di un orario delle 7 ore e 12.

Abbiamo inoltre chiesto l’introduzione nel testo di un preciso riferimento all’art. 26 del CCNL Funzioni Centrali, relativo all’Orario Flessibile per accedere a modulazioni di orario diverse da quelle rigidamente previste dalla proposta dell’Amministrazione.

 

Fondo risorse decentrate 2018.

Il Fua (fondo unico di amministrazione), con il nuovo CCNL assume la denominazione Fondo Risorse Decentrate.

Con soddisfazione accogliamo la disponibilità di avviare la trattativa in corso d’anno evitando i canonici ritardi pluriennali.

 

L’UNSA ha preliminarmente chiesto il pieno rispetto dell’art. 4 del CCNL, relativo alla piena informazione e partecipazione sindacale, in particolar modo riguardo alla costituzione del Fondo.

 

L’UNSA ha proposto l’introduzione di due nuovi elementi qualificanti del Fondo.

 

Il primo, volto a valorizzare tutti quei lavoratori che espletano la propria attività lavorativa in una situazione di disagio organizzativo e di carico di lavoro elevato causato da sofferenze di organico negli uffici, costruendo un indice di disagio, da collegare ai fabbisogni di personale e connesso alle sofferenze degli uffici e ai relativi carichi di lavoro accresciuti. Tale indice è volto a fornire una correzione in senso maggiorativo dell’importo derivante dal sistema di valutazione in vigore.

 

Infine, l’UNSA ha proposto l’introduzione nel Fondo del Welfare integrativo, come previsto dall’art. 80 del CCNL Funzioni Centrali.

Con tale proposta l’UNSA intende individuare una somma del Fondo da destinare al sostegno del reddito di famiglie gravate ad esempio, da rette per asili nido, da tasse di iscrizioni universitarie, da acquisto libri di testo ecc.

 

Vi terremo aggiornati sulla prosecuzione dei lavori e rimaniamo a disposizione per i suggerimenti che vorrete inviarci all’indirizzo info@confsal-unsa.it.

 

 

 

Roma, 31.10.2018

 

 

Confsal-UNSA

Coordinamento LAVORO

Gian Maria Giovannetti