INL – 8 giugno 2017 – Accordo sperimentale sull’orario di lavoro

accordo orario lavoro inl

Nell’incontro del 8 giugno, presente per la Confsal UNSA Vincenzo Di Biasi, al termine di un negoziato che si è protratto per mesi, abbiamo sottoscritto l’Accordo sull’orario di lavoro per i dipendenti amministrativi e ispettivi dell’INL.

Un accordo che avrà una sua fase attuativa sperimentale con inizio il 1° luglio e termine alla fine dell’anno 2017, per le sedi in esso elencate e con delle specificità per il personale ispettivo e per il personale degli uffici legali incaricato della rappresentanza in giudizio.

Questo accordo, in ragione della sua sperimentalità, sarà oggetto di un attento e costante monitoraggio, sia per recepirne gli effetti che per verificare l’esistenza di eventuali criticità, prima di addivenire ad un accordo definitivo.

Un accordo importante che dovrebbe incominciare a segnare la discontinuità con il recente passato da “ministeriali” e che, in un certo qual modo, potrebbe configurarsi come un nuovo modello di relazioni sindacali in controtendenza a quanto accade al Ministero del lavoro.

Un accordo che ha lo scopo di fornire adeguate soluzioni alle problematiche che da anni vengono rappresentate in merito alle attività prese in considerazione, consentendo una gestione responsabile del binomio prestazione di lavoro e tempo impegnato.

Fra i partecipanti al tavolo negoziale, dove tutti hanno contribuito alla redazione dell’accordo, alcuni hanno deciso di non sottoscrivere tale accordo, nonostante le caratterizzazioni da essi volute e l’apprezzamento sui contenuti manifestato al termine dei lavori.

Fermo restando la libertà di ognuno e le responsabilità delle scelte che ognuno si assume, è una posizione che ci lascia molto perplessi.

Non si è trattato di un negoziato facile, come già abbiamo detto in precedenti comunicati, dove non tutti hanno remato nello stesso verso per condurre l’accordo in porto; abbiamo dovuto sopportare atteggiamenti sterili e inutili da primadonna, arroganti nella tesi dichiarata su chi può o meno partecipare alle trattative e ciò a dispetto della rappresentatività.

Vogliamo, con questa occasione, tranquillizzare tutti: l’UNSA in ragione della sua forte rappresentatività nel Comparto Funzioni centrali, e anche in ragione della sua propositività, continuerà a essere presente al tavolo negoziale. Giusto una precisazione: non è l’Amministrazione il colpevole in questione!

L’UNSA ha sottoscritto l’accordo nella piena consapevolezza della sua positività per tutte le lavoratrici e i lavoratori dell’INL senza far scalfire il proprio impegno dalla prosopopea di qualcuno e delle minacce di non sottoscrivere l’accordo.

Al termine della riunione l’Amministrazione ci ha informati che, a breve, avvierà un processo formativo importante che riguarderà:

  • per la convenzione con il MISE, gli ispettori di cooperative;
  • gli ispettori per la materia previdenziale (inizia con quattro sedi: Roma, Milano, Napoli e Bologna);
  • gli ispettori per le materie attinenti l’Inail.

Infine siamo stati informati sullo stato dell’arte in merito agli incentivi per le attività ispettive, relativamente alle quote 2016 e inizio 2017 saranno portate le opportune deliberazioni al CdA che si terrà il prossimo 3 luglio, dopodiché si potrà procedere all’erogazione di tali somme.

Diverso e più complicato si presenta il versante FUA, dove per l’anno 2016 occorrerà attendere l’accordo al Ministero del lavoro, competente per tale anno, e per il 2017 prima di poter procedere a qualsiasi accordo all’INL occorrerà attendere che il Ministero decida tempi e modalità per la ripartizione delle risorse fra Ministero, INL e ANPAL.

In allegato trovate il testo dell’accordo dell’8 giugno 2017.

  1. La Segreteria nazionale Confsal UNSA

(Vincenzo Di Biasi)

 

INL – Accordo orario di lavoro 8-6-2017