INL – Incontro del 12 gennaio

Ispettori_del_lavoro

Ispettorato Nazionale del Lavoro

Incontro del 12 gennaio

Il 12 gennaio come programmato c’è stato l’incontro con il Direttore generale dell’Ispettorato nazionale del lavoro, presente per l’UNSA Vincenzo Di Biasi, per l’esame della Circolare inerente i profili logistici e organizzativi per il personale dipendente dell’Ispettorato e per gli ispettori Inps e Inail.

Siamo al terzo incontro dopo quelli del 29 dicembre e del 2 gennaio e, indubbiamente, molte cose sono cambiate rispetto alla stesura iniziale della stessa Circolare. Molti suggerimenti e modifiche da noi proposti sono stati recepiti dall’Amministrazione e altri potrebbero trovarsi nella Circolare definitiva che dovrebbe chiudersi al termine del prossimo incontro previsto per il 19 gennaio.

Con il primo gennaio 2017 si è avviata questa nuova macchina, l’Ispettorato nazionale del lavoro, frutto di una scelta politica che, condivisibile o meno, aveva una sua progettualità e una visione del sistema e delle funzioni ispettive portando in un unico ente il compito programmatorio e organizzativo.

Una scelta imperfetta, ma dovuta, nella decisione di lasciare separata la dipendenza organica del personale ispettivo, dal momento in cui non si è inteso investire le necessarie risorse per omogeneizzare al meglio i trattamenti economici.

Siamo preoccupati, e lo abbiamo manifestato, per la condizione di “ruolo ad esaurimento” del personale ispettivo Inps e Inail; una condizione di figli senza terra che potrebbe portare gli Enti di appartenenza a non investire più su questo personale e contemporaneamente non ricevere la giusta valorizzazione, quantitativa e qualitativa, in sede di contrattazione integrativa.

Stante le cose, riversiamo la nostra preoccupazione in proposte costruttive per un benessere diffuso del personale in un contesto organizzativo nuovo quale è l’INL, un Ente che dal compito istituzionale dovrà trarre prospettive di crescita e valorizzazione.

Le nostre critiche politiche le abbiamo mosse a suo tempo al Ministro denunciando le storture e le aberrazioni contenute nei primi testi delle proposte di legge, adesso a nostro parere è il momento delle proposte costruttive.

Il prossimo incontro fissato per il 19 gennaio dovrebbe essere utile a chiudere questa prima partita, alla quale dovranno seguire altre perché i temi e i problemi all’ordine del giorno sono tanti ed è impensabile che si possano risolvere in una Circolare.

I prossimi incontri ci dovranno vedere impegnati dai temi prettamente funzionali, ovvero come opereranno gli ispettori e gli amministrativi in un contesto dove una parte dei primi sconterà l’avere due “datori di lavoro” e con tutte le difficoltà dell’operare quotidiano, ai temi gestionali per arrivare alla regolamentazione, quanto prima possibile, del primo Contratto nazionale integrativo dell’INL.

Ci ha positivamente impressionati il direttore generale dell’Ispettorato nella sua disponibilità a procedere per gradi e migliorando per fasi successive il modello dell’Ispettorato, un modello immaginato flessibile e libero, per quanto possibile, da lacci burocratici. Certo tutto da provare nel prosieguo del tempo, ma sarebbe un grave errore non partecipare, pregiudizialmente, a questa fase, importante e delicata, di avvio dell’Ente.

Le proposte della Confsal UNSA sono già oggetto del confronto, a partire dalla costituzione di un Osservatorio permanente bilaterale per il monitoraggio delle attività ispettive, e il 19 gennaio misureremo la volontà dell’Ente a proseguire il lavoro in collaborazione con le organizzazioni sindacali.

 

Cordiali saluti.

 

 

Il Segretario Generale

Massimo Battaglia