Accordo FUA 2015 e programmazione sviluppi economici

MINISTERO DEL LAVORO - FUA 2015 E PROGR EC

Accordo FUA 2015 e programmazione sviluppi economici

 

Il giorno 13 luglio 2016 si è svolto al Ministero del lavoro e delle politiche sociali, presente per la Confsal UNSA Vincenzo Di Biasi, l’incontro per la definizione dell’utilizzo del FUA 2015.

L’incontro seguiva precedenti riunioni non andate a buon fine per la resistenza dell’Amministrazione a inserire una norma programmatica, da noi fortemente voluta, per gli sviluppi economici dentro le Aree e con decorrenza economica 1° gennaio 2016.

Sin dai primi incontri l’Amministrazione ha posto come ostacolo all’inserimento di tale norma programmatica la riforma in atto nel Ministero con la creazione delle due Agenzie.

Per parte nostra abbiamo condiviso con l’Amministrazione, pur anche rimproverandole scarsità di informazioni e di scelte non tenendo conto di alcuni nostri suggerimenti utili a prevenire disagi e confusione fra i dipendenti, la delicatezza del periodo che sta vivendo il Ministero; ma questo non ci ha mai distolti dall’obiettivo primario che ci eravamo prefisso: programmare anche per i dipendenti del Ministero del lavoro e delle Agenzie, al pari di quanto avvenuto in altre amministrazioni centrali, un processo di crescita professionale ed economica attraverso le progressioni nelle fasce retributive superiori.

Nel corso della riunione, dopo una intensa e difficile discussione che ha visto l’UNSA protagonista e determinata a raggiungere l’obiettivo, siamo giunti alla firma della ipotesi di accordo che, oltre all’utilizzo del FUA 2015, vede la programmazione e la determinazione di un impegno di spesa, a carico del FUA 2016, da destinare agli sviluppi economici 2016 per un importo pari a € 3.325.000,00 corrispondente all’80% delle risorse stabili. Per rimarcare il buon risultato ottenuto è sufficiente ricordare che nelle prime battute l’Amministrazione aveva proposto il 25%.

Come è noto, l’esigibilità di tale accordo sarà possibile dopo che lo stesso avrà ricevuto il visto di tutti gli organi di controllo.

Per il momento riteniamo di fatto un buon lavoro che completeremo con la successiva scrittura dei criteri ai fini dell’attuazione degli sviluppi economici per la cui realizzazione occorrerà un grande impegno di “tutta” l’Amministrazione.